Documento di valutazione alunni

 

Il Collegio dei docenti del 30/10/2017 con ulteriori revisioni nei collegi unitari del 22/01/18 e del 15/5/2019 visti il DPR 22/6/2009 n.122, il DPR 24/6/1998 N.249, il DPR 27/11/2007 n.235, il Dlgs. n. 62 del 13/04/2017 la Nota 1865 del 10/10/2017 e il DM 741 del 3/10/2017 su Esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione, definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità e trasparenza nella valutazione, nel rispetto della libertà di insegnamento e ad integrazione del Piano dell’Offerta Formativa Triennale.
  

Principi generali

La valutazione ha sempre una funzione formativa tesa al successo educativo di ogni alunno, non si concentra pertanto esclusivamente sulla rilevazione degli esiti se non all’interno dei processi formativi dello studente.

E’ collegata alla programmazione delle attività e degli obiettivi di apprendimento e considera il livello di partenza e i progressi di ogni singolo alunno.

La valutazione ha, inoltre, funzione orientativa, per orientare appunto l’alunno verso lo sviluppo delle proprie attitudini e capacità, compresa la capacità di valutarsi.

La valutazione, comunicata ai genitori, fa sì che possano partecipare al progetto educativo e didattico del proprio figlio.

La valutazione, per il docente, è un percorso circolare che inizia con una progettazione condivisa, continua nella didattica quotidiana, si sofferma sulla verifica degli apprendimenti per controllare i risultati al fine di impostare strategie di recupero ed eventualmente di riprogettare la didattica, gli obiettivi, i metodi, gli strumenti, la tipologia delle prove.

 

LEGGI L’INTERO DOCUMENTO CONTENENTE I CRITERI ELABORATI DAL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI